martedì 22 ottobre 2013

Review: "IL CALZINO IN TESTA" - Funziona davvero?


Quante di voi hanno sentito parlare di questo strano utensile chiamato: "IL CALZINO IN TESTA"? (Trade Mark tra l’altro..)
Io personalmente non l’avevo mai sentito nominare finché un giorno mia sorella mi ha proposto di comprarlo. Ha detto che la ragazza di un collega del suo ragazzo (?!?!) vendeva questi strani cosi che servono a fare gli chignon ed altre pettinature. Tutto ciò al prezzo di soli 5€.
Al ché io ho voluto provare, comunque non avrei buttato chissà che cifra di denaro…
Il prodotto si presenta come una sorta di “lingua” di tessuto di lycra, con un buco al centro e dentro un filo di ferro zincato per “mantenere la forma”. Per farmi capire meglio, così:


Si poteva scegliere tra tanti colori, io l’ho scelto nero, un colore neutro.

Insieme a questa specie di fascia c’è in dotazione un foglio illustrativo con alcune delle pettinature che si possono fare e le relative spiegazioni. Io sinceramente sarò scema, ma non ci ho capito un fico secco. 
Ho provato a fare uno chignon classico seguendo le seguenti istruzioni:
  1. fare una coda ed infilare tutti i capelli nella fessura della fascia (okay facile);
  2. arrotolare la fascia su sé stessa per due o tre giri verso il basso (what?!);
  3. far scorrere fino alla punta dei capelli o fino alle prime scalature (CHE MALEEEEE!!);
  4. arrotolare fino all’attaccatura dei capelli (okay forse viene bene);
  5. arrotolare la fascia sino a chiudere bene lo chignon (ma non si riesce a chiudere!);
  6. incrociare i lembi e passarli nella scanalatura che si crea nello chignon (che scanalatura?!);
  7. bloccare i lembi incrociandoli (BOOOOOH). 
e il risultato è stato questo: 

In pratica un mezzo chignon con i lembi della fascia che spuntano fuori e i miei capelli che non riuscivano a stare e scappavano da tutte le parti. Un DISASTRO! Senza contare che ormai il mio “calzino” aveva preso una forma assurda e anche srotolandolo tutto non riesce più a tornare come prima.. mah..

Okay, sarà anche che ho i capelli scalati, ma credo che siano abbastanza lunghi per poter stare in un’acconciatura del genere. E probabilmente sarà che a farmeli da sola così senza vedere è normale che venga un po’ male.
Allora ho provato a cercare su internet come si usa per bene sto coso e ho trovato addirittura il sito internet! http://www.ilcalzinointesta.com/home.html
E qui ho trovato alcuni video tutorial, come questo video dove spiega le info di base su come usarlo.


In questo video c’è una donna che usa quell’affare su un manichino (chissà perché eh, furbacchiona!) e fa alcune acconciature stranamente diverse da quelle del foglietto illustrativo, e in ognuna si vede sempre un lembo del calzino che esce fuori e infatti lei apposta lo usa colorato.


Ma sinceramente quelle pettinature non mi piacevano affatto. 
Io volevo solo fare un normalissimo chignon da ballerina!!
Allora ho provato a rifarlo, sempre seguendo le istruzioni, questa volta però facendolo di lato, così riuscivo ad arrivare meglio con le mani e a muovermi più facilmente.
Il risultato è stato questo:


Non è forse fantastico? Non desiderate anche voi uno chignon così?! U JELLY?!



Insomma una vera schifezza..  senza contare il fatto che se fai cinque passi viene giù tutto e il calzino maledetto rimane impigliato nei capelli tirandoli tutti. UNA VERA GODURIA.

Mi sono anche cimentata in un’altra pettinatura che suggeriva il fantastico video e questo è stato il risultato: 


questa doveva essere la “mezzacoda”, dove lo scignòn doveva venire intorno alla coda.. ma come potete vedere è caduto tutto in due secondi e sembravo una pecorella.


Insomma, o sono io che sono impedita dura, o quel “calzino” è proprio una schifezza e non penso che lo userò mai più.
Se mai vorrò farmi uno chignon userò il solito metodo che ho sempre usato, cioè usando UN CALZINO VERO.

E il metodo è veramente (seriamente sta volta) semplicissimo:
  1. prendete un calzino qualsiasi e gli tagliate la punta, dove stanno le dita dei piedi per intenderci;
  2. lo arrotolate su sé stesso finché non si forma una sorta di grosso elastico;
  3. fate una coda con i vostri capelli e la mettete dentro al buco del vostro calzino arrotolato;
  4. i capelli che escono fuori li spargete tutto intorno al calzino arrotolato e con un elastico semplice li fermate attorno al calzino;
  5. fermate i ciuffetti di capelli che rimangono con delle forcine intorno al calzino.

Ed ecco i risultati:

  • questo è uno chignon (o bun) regular size, ottenuto usando un calzino normale 






  • e questo è uno chignon big size, ottenuto con uno scaldamuscoli! 




Si vede benissimo che i risultati sono mooolto diversi rispetto a quelli dove usavo “il calzino in testa”. Ma che calzino poi?!

Per scrupolo ho voluto provare anche su una delle mie due sorelle, che ha un miliardo di capelli in più di me e ha un taglio all'incirca pari e di media lunghezza. 
Questo è il confronto dei due chignon, uno fatto col calzino in testa e l’altro col calzino vero:


E’ evidente la superiorità del mio calzino di cotone nero rispetto al quel lembo di lycra col filo di ferro.

Inoltre:
  • Capelli persi utilizzando “il calzino in testa” : 10
  • Capelli persi utilizzando il mio calzino: 0


In conclusione, vale la pena di comprare quell'oggetto infernale? NO!
Potete ottenere risultati migliori a spesa zero, quei 5€ potete spenderli in hamburger del McDonald’s.. sarete più grasse ma felici!  

EPIC FAIL!


4 commenti:

  1. In effetti...la tenuta è il suo problema piu grande

    RispondiElimina
  2. Anch'io usavo il "tuo" calzino.
    Comunque potrebbe essere anche colpa dei tuoi capelli, nel senso che se sono troppo fini, lisci e morbidi le pettinature tengono meno, magari un un con capelli mossi o ricci il calzino tiene meglio.

    RispondiElimina
  3. Può darsi! E' anche questione di manualità, se si impara meglio a usarlo magari vengono delle pettinature più decenti delle mie!

    RispondiElimina
  4. Secondo me non sei capace di usarlo, è comodissimo e tiene tutto il giorno!

    RispondiElimina